9° appuntamento del Tea Corner  15 gennaio 2018 ore 17.00 sulle emissioni nel settore navale


Carburanti alternativi e nuovi concetti di “Zero Emissions Vessels” diventeranno di vitale importanza nel prossimo futuro.

Uno studio commissionato dall’IMO (International Maritime Organisation) nel 2014, ha stimato che le emissioni dei trasporti marittimi rappresentano il 2.33% delle emissioni globali di CO2. Lo studio ha previsto che nel 2050 tali emissioni potrebbero aumentare tra il 50% e il 250%. L'accordo sul clima, il Paris Agreement, definisce un piano d'azione globale inteso a limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2ºC. Nonostante il settore dei trasporti marittimi non faccia parte di questo accordo, esso rimane impegnato nell’ambizioso obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 attraverso l’intera flotta mercantile mondiale. Per essere in linea con un “2ºC scenario” si è stimato che l’intensità di carbonio dell’intera flotta dovrebbe ridurre tra il 60% e il 90%.



L’appuntamento, dal titolo "Shipping emissions and Zero emission vessels" avrà come ospite Carlo Raucci, principal consultant presso UMAS.


Last modified: Monday, 16 April 2018, 10:29 AM