Lo strumento del Report di Sostenibilità

per rispondere alla Direttiva CSRD

16 ottobre 2024

Corso da remoto



PRESENTAZIONE DEL CORSO

Nel corso degli ultimi anni, sempre più aziende si sono approcciate alla redazione del Rapporto di Sostenibilità per comunicare la propria strategia di sostenibilità, i propri obiettivi e i principali indicatori di prestazione, anche al fine di coinvolgere e migliorare le relazioni con gli stakeholder.

Il principale strumento utilizzato dalle aziende per i propri Rapporti di sostenibilità è stato il pacchetto di standard del Global Reporting Initiative (GRI). Sono stati introdotti concetti come l’Analisi di Materialità, che è ormai entrato nel linguaggio comune di ogni soggetto impegnato nella redazione dei Rapporti, e i GRI Standard hanno creato un linguaggio comune per le organizzazioni al fine di poter comunicare le proprie prestazioni sulla sostenibilità in modo coerente e credibile.

Nel 2022, l’Unione Europea ha approvato la Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD), la quale rivoluziona l’ambito della reportistica di sostenibilità nel mercato europeo, coinvolgendo via via decine di migliaia di aziende in tutta Europa, circa 5.000 solo in Italia. L’obiettivo è far sì che le aziende divulghino informazioni su quelli che vedono come i rischi e le opportunità derivanti da questioni sociali e ambientali e sull'impatto delle loro attività sulle persone e sull'ambiente.

Gli standard di riferimento per la rendicontazione, secondo la CSRD, sono gli standard ESRS (European Sustainability Reporting Standards), sviluppati da EFRAG (European Financial Reporting Advisory Group).
Il lavoro di sviluppo degli standard ha visto la collaborazione di EFRAG con altri soggetti impegnati sul tema a livello internazionale, come GRI, al fine di cercare di allineare la nuova metodologia con quanto già esistente e conosciuto dalle aziende. 

Gli ESRS introducono concetti nuovi, come la Doppia Materialità, utile a comprendere gli impatti sulle persone e sull’ambiente e al tempo stesso come questioni ambientali e sociali impattano su aspetti legati alle risorse finanziarie, e forniscono requisiti comuni per allineare il linguaggio dei Rapporti di Sostenibilità delle aziende in tutta l’Unione Europea.


OBIETTIVO DEL CORSO

  • Capire come individuare le tematiche rilevanti e prioritarie da inserire in un Rapporto di Sostenibilità.
  • Comprendere il processo di redazione e introdurre gli standard metodologici e i riferimenti più utilizzati per redigere i Rapporti di Sostenibilità


A CHI È RIVOLTO

In generale a tale corso possono partecipare amministratori, dirigenti o personale delle seguenti dipartimenti: CSR, Ambiente, Sicurezza sul Lavoro (HSE), Risorse Umane e Affari Generali. Inoltre, questo corso può essere frequentato anche dagli utenti dei Rapporti come ONG, analisti finanziari e media.


PROGRAMMA DEL CORSO 

08.45 – Registrazione partecipanti

09.00 – Test d'ingresso

09.15 – Il concetto della sostenibilità

10.00 – CSRD: la nuova direttiva europea

10.45 – Coffee break

11.00 – Cos'è l'analisi di materialità e il concetto di doppia materialità

11.30 - 1a esercitazione

12.15 - Analisi di materialità: a cosa serve

13.00 - Lunch Break

14.00 2a esercitazione

14.45  – Cenni sugli standards GRI (Global Reporting Initiative) ed enfasi sui nuovi ESRS (European Sustainability Reporting Standards)

17.15 – Test d'uscita

17.30 – Chiusura della giornata


DOCENTI

Lucia Granini è la referente dell'area Sostenibilità di Aequilibria Srl-SB per lo sviluppo del Bilancio di Sostenibilità.

È referente inoltre per l'ottenimento della Certificazione sulla Parità di Genere secondo la UNI/PdR 125:2022 e la ISO 30415:2021 «Human Resources Management – Diversity and Inclusion».

Lorenzo Gennari è consulente presso Aequilibria Srl - SB, nella quale segue le aree Bilanci di Sostenibilità, Certificazione di parità di genere secondo la PdR 125, ISCC e Carbon Neutrality.


QUOTA DI PARTECIPAZIONE E MODALITÀ DI ISCRIZIONE

La quota di partecipazione al corso è di € 380,00 + IVA (per le Pubbliche Amministrazioni tale importo è esente IVA ai sensi dell’art. 10 del D.P.R. 600/1973). L’iscrizione comprende: partecipazione al corso, attestato di partecipazione e materiale oggetto del corso. Prima di procedere con il pagamento, attendere la conferma di erogazione del corso da parte di Aequilibria.

É previsto uno sconto del:

  • 15% per ogni dipendente aggiuntivo della stessa società, oppure
  • 10% per chi abbia partecipato ad un corso a pagamento di Aequilibria nell’anno 2023 e/o 2022.

Banca Popolare Etica – Filiale di Vicenza

IBAN IT35O0501811800000016810392


DATA E SEDE DEL CORSO

Il corso sarà erogato da remoto mercoledì 16 ottobre 2024, dalle ore 09.00 alle ore 17:30.

Per ragioni organizzative si chiede di far pervenire le iscrizioni entro mercoledì 9 ottobre 2024 compilando l’apposito Modulo di iscrizione per ricevere l'invito Zoom e le relative istruzioni di collegamento.

Si sottolinea che i requisiti tecnici per la partecipazione da remoto sono di avere:

  • un microfono e una telecamera attivi;
  • auricolari/cuffie per ascoltare singolarmente il corso senza generare rumori di fondo.

Tali requisiti devono essere rispettati per l'intera durata del corso, diversamente il partecipante potrà essere escluso dalla diretta.

Il numero massimo di partecipanti è di 12 persone.

Per qualsiasi ulteriore informazione e per effettuare un eventuale test tecnico su microfono e video prima del corso rivolgersi al seguente indirizzo di posta elettronica: formazione@aequilibria.com.


SEGRETERIA DIDATTICA
Aequilibria S.R.L.- SB
P.le della Stazione, 8 – 35131 Padova (PD)
E-mail: formazione@aequilibria.com
Telefono: +39 049/7309527
Sito Internet: www.aequilibria.it


Last modified: Wednesday, 3 July 2024, 9:19 AM